Viaggi avventura

Terremoto Cina: le rovine in Sichuan diventano siti turistici

Saranno una nuova tappa per i tour organizzati dagli operatori turistici le rovine lasciate dal terribile sisma che il 12 maggio scorso ha colpito le trenta contee della Cina sud-occidentale.

Ad affermarlo è il segretario generale del governo della provincia, Qi Guosheng ,che nel contempo vuole dimostrare al mondo intero il grande sforzo compiuto dai cinesi per la ricostruzione di una notevole fetta di Cina cancellata dalla faccia della terra la scorsa primavera.

In questo modo, la regione potrà riattivarsi nel settore turistico, risorsa principale della regione, famosa per le sue bellezze naturali, come il “parco dei panda giganti”. Il giro d’affari del settore è di circa 100 miliardi di yuan all’anno (circa 9,2 miliardi di euro).

Così gli appassionati di “disastri” (e in giro per il globo ve ne sono, non stupitevi!) potranno prenotare un soggiorno in quello che rimane di questa pur sempre bellissima – e ricca di un fascino che solo l’oriente può regalare – fetta di mondo.